Comunicato stampa – Il vincitore

+
logoDanteCappelletti
COMUNICATO STAMPA
È ‘Ccelera! di Maurizio Camilli il vincitore della seconda edizione
del Premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche “Dante Cappelletti”
In continuo movimento è il caso di dichiararlo, il Premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche intitolato a Dante Cappelletti: seconda e qualitativamente alta l’edizione che si è appena conclusa al Teatro Valle di Roma dove sono approdati, provenienti dalle semifinali di Castiglioncello, i dieci progetti finalisti.
Vincitore Maurizio Camilli che, col suo ‘Ccelera! ha intascato il riconoscimento di € 6000,00 quale sostegno alla produzione, raccogliendo il favore della giuria formata da Roberto Canziani, Gianfranco Capitta, Massimo Marino, Renato Nicolini, Laura Novelli, Aggeo Savioli e Mariateresa Surianello e presieduta dal Sindaco di Roma Walter Veltroni (che ha inviato un caloroso messaggio di auguri) ed alla presenza di Vincenzo Vita Assessore alle Politiche Culturali della Provincia di Roma, nonché di un pubblico motivato e competente che ha seguito la tre giorni di lavori. Ad applaudire gli artisti, la famiglia di Dante Cappelletti, vicina ancora una volta al premio.
La vittoria è quindi andata ad un progetto che è un inno alla velocità, reale e metaforica, in un linguaggio della scena propriamente interdisciplinare, come recita la motivazione: In un codice preciso di movimenti, figurazioni, canzoni, Maurizio Camilli dà corpo alla trasgressione e al disagio di un giovane qualunque del Nord-Est, attraversato da una mitologia automobilistica, che intercetta Amleto e Gilles Villeneuve, in veste di spettro del padre. Il piacere pericoloso della consapevolezza e del controllo nello sbandare, diventa metafora di una condizione dell’esistere.
In un contesto nazionale in cui lo spettacolo dal vivo è mortificato, la giuria ha invece rilevato un accresciuto livello di qualità dei progetti presentati e la vivacità, confortante, di artisti di nuova generazione, che propongono idee per opere non scontate e innovative. É per questo che, supportati anche da un’ampia rosa di studi presentati, i giurati hanno attribuito altre tre segnalazioni: a Eva Cambiale interprete di Cry Baby in una drammaturgia coraggiosa e coinvolta nel presente, lo studio svela un’attrice di alto livello, capace di catturare l’attenzione e gli umori degli spettatori con una storia di immigrazione, raccontata senza retorica e sostenuta da un’interpretazione che alterna la denuncia alla poesia; al Cinquecento a-temporale di Carlo Besozzi e Flavio Parenti in Rumper la forza di questa favola picaresca che trova radici nel linguaggio degli sceneggiati televisivi che hanno istruito una intera generazione di italiani. Il loro testo acquista vigore grazie a godibili e divertenti caratterizzazioni d’attore. Un’iniezione di freschezza generazionale nelle strutture dello spettacolo di tradizione; ed infine a La battaglia di Roma di Pierpaolo Palladino notato – suggerisce la motivazione – per il suo racconto sulla Resistenza antifascista, a Roma, oggi quanto mai necessario. Una trascrizione epica di episodi profondamente umani, cui l’autore e attore aggiunge una solida presenza nel costante confronto con la partitura musicale.
Singolare altresì il PREMIO SPECIALE a Riccardo Caporossi, figura esemplare dell’innovazione nel teatro italiano, il cui progetto proprio per questa ragione non è sembrato opportuno sottoporre al giudizio della giuria.
Il Premio è sostenuto da ETI – Ente Teatrale Italiano, Comune di Roma – Assessorato Politiche Culturali, Provincia di Roma, Comune di Rosignano Marittimo, Provincia di Siena, Comune di Piancastagnaio e patrocinato dalla Regione Lazio, in collaborazione con Armunia.
ETI – Ufficio Stampa
Silvia Taranta, Bianca Vellella
tel. 06/44013239.258